Crea sito

Guida galattica ai salumi: che cos’è il bacon?

Quando si parla di bacon si pensa subito a uno degli elementi più caratteristici della colazione americana, inglese o anche tedesca.

In effetti questo salume nasce, o per meglio dire si evolve, proprio in Inghilterra.

Ho specificato si evolve perché la lavorazione della carne ricavata dalla pancia del maiale e poi messa in salamoia insieme a varie spezie era già attuata in Cina in tempi antichi. L’importazione di tale pratica in Europa, avvenuta durante il Medioevo, di tale pratica ha fatto sì che la lavorazione si sia diversificata in base al paese in cui è giunta.

La prima fabbrica di bacon fu fondata da John Harris nel Wiltshire, una contea inglese, nel 18° secolo.

Che cos’è il bacon?

Il bacon è un salume crudo fatto con la carne della pancia del maiale. Esiste anche una variante fatta con carne di lonza comprensiva di pancetta.

Il termine deriva dal medio inglese bacoun che a sua volta trae le sue origini dal proto-germanico bacho, parola che indicava la parte posteriore del maiale.

Preparazione del bacon

Il bacon, come già specificato, è un salume crudo. Ciò significa che non viene cotto, nonostante il colore chiaro possa trarre inganno.

Alla carne vengono aggiunti sale, zuccheri, nitriti e nitrati e, opzionalmente, diversi tipi di spezie. Il tutto viene lasciato riposare in salamoia, o anche a secco, per diversi giorni.

A questo punto il bacon è già pronto per essere consumato (dopo una fase di asciugatura) oppure si può procedere alla fase di affumicatura. Essa può avvenire sia a caldo (70-80 °C) che a freddo (temperatura ambiente) e, a seconda del metodo utilizzato, si avrà un risultato differente.

Il bacon che di solito viene servito a colazione è quello non affumicato o affumicato a freddo. Questi tipi di bacon richiedono la cottura prima di essere consumati.

Il bacon affumicato a caldo invece si può mangiare così com’è. Certo se si vuole lo si può anche cucinare ma il sapore che ne risulta è differente da quello non affumicato.

Differenza tra bacon e pancetta

Il bacon non è pancetta, anche se può essere realizzato con tagli di carne molto simili.

La principale differenza tra bacon e pancetta è che il primo viene messo in salamoia mentre la seconda viene sottoposta a semplice salagione.

A livello visivo il bacon in genere risulta più chiaro e più espanso rispetto alla pancetta.

Il bacon e la pancetta stufata sono la stessa cosa?

L’aspetto chiaro del bacon fa sì che spesso venga confuso con un altro salume: la pancetta stufata.

Il colore della pancetta stufata è molto simile a quello del bacon tuttavia questo non deve trarre in inganno poiché si tratta di due salumi ben distinti.

La pancetta stufata viene sottoposta a cottura a vapore. Si tratta quindi di un salume cotto, totalmente differente rispetto al bacon, il quale è un salume crudo.

La pancetta stufata può essere consumata così com’è mentre per il bacon è consigliata la cottura.

Curiosità

Il bacon è una bomba!

Il bacon assunse una notevole importanza durante la Seconda Guerra mondiale. Si dà il caso che il grasso di bacon contenga abbastanza glicerina da permettere di utilizzarlo nella produzione di esplosivi. Perciò in quel periodo, a causa della scarsità di materiali, la popolazione fu invitata a mettere da parte tutto il grasso che potevano per darlo all’esercito.

Per incentivare quest’iniziativa venne prodotto un cartone animato che aveva come protagonisti Minnie e Pluto.

Portare il bacon a casa

Oggi dire “bring home the bacon” equivale a dire “portare il pane a casa” ossia fare soldi ma un tempo non era così.

Portare il bacon a casa, ossia guadagnare soldi per la propria famiglia.

Le origini di questo detto antico risalgono al dodicesimo secolo. A quel tempo la Chiesa donava un pezzo di bacon a qualsiasi uomo sposato che giurava dinanzi a Dio che non aveva discusso e alzato la voce con la moglie per un anno e un giorno. Allora il modo di dire “portare il bacon a casa” era equivalente a dire di essere un buon cittadino e un uomo di virtù.

Profumo al bacon

Si narra che nel 1920 un macellaio parigino di nome John Fargginay mise a punto un profumo al bacon. Proprio così, attraverso una sapiente miscela di essenza di bacon e ben 11 oli essenziali alle erbe ricreò l’inconfondibile aroma del salume in questione.

Questo “elisir” aveva la capacità di risollevare l’umore dei clienti della macelleria di Fargginay e di suscitare loro piacevoli ricordi d’infanzia, magari di quando la amdre preparava la colazione. L’essenza diventò talmente famosa e ricercata che grandi personalità e esponenti politici andavano alla bottega per ottenerla. Usando la parola d’ordine ‘fargginay’ e una strizzatina d’occhio si poteva ottenere una busta contenete la formula segreta del profumo al bacon.

Profumo al bacon

Dopo un grande incendio, il 4 luglio 1924, l’azienda andò persa, così come la formula misteriosa. Tuttavia esistono tuttora diverse fragranze aromatizzate al bacon. È stato creato persino una crema da barba al bacon.

Crema da barba al bacon